Intervista ad Annick Spaans, ZLTO

Anick Spaans ZLTO
Anick Spaans ZLTO

Questo mese ospitiamo nella nostra sezione "focus su un partner" Annick Spaans, di ZLTO. Ci spiegherà il suo interesse per il progetto NetPoulSafe e il ruolo chiave di ZLTO nella costruzione della rete NetPoulSafe.

Ciao Annick, potresti spiegarci qual è la tua posizione in ZLTO e qual è la tua preoccupazione per la biosicurezza?

Mi chiamo Annick Spaans e lavoro come project manager presso ZLTO. ZLTO è un'organizzazione che rappresenta gli interessi di agricoltori e coltivatori nella parte meridionale dei Paesi Bassi. Circa 13.000 agricoltori e coltivatori sono membri della nostra associazione. Insieme a loro, lavoriamo per produrre alimenti sani in modo innovativo e sostenibile. La mia posizione è Project Expert Food Security & Health, in cui lavoro principalmente nel campo della salute animale e della biosicurezza, in diversi settori animali. Per conto di ZLTO sono coinvolto in vari progetti europei H2020: DISARMO, ROADMAP e ovviamente NetPoulSafe.

Le mie preoccupazioni sulla biosicurezza sono su due livelli. In primo luogo, credo che non solo l'agricoltore dovrebbe garantire una buona biosicurezza nell'allevamento, ma anche i visitatori dell'azienda dovrebbero sentirsi responsabili di questo, come le squadre di cattura, i fornitori e i consulenti. Penso che la comunicazione tra l'agricoltore e i visitatori possa essere migliorata in questo senso. In secondo luogo, trovo preoccupante che le misure di biosicurezza a volte vengano ancora dimenticate quando si verifica una situazione urgente. Come garantire che in tali situazioni la biosicurezza rimanga ancora una priorità, ma pratica, è la sfida.

Perché eri interessato a partecipare al progetto NetPoulSafe?

In questi tempi di influenza aviaria, in cui possono essere presenti anche altre malattie (zoonotiche), è importante diminuire il più possibile il rischio di introduzione di agenti patogeni negli allevamenti di pollame. Nei Paesi Bassi, credo che il livello di biosicurezza negli allevamenti di pollame sia già piuttosto elevato, ma possiamo ancora perfezionarlo. Con la biosicurezza, l'allevamento è forte quanto il suo anello più debole.

Chi sono i membri del tuo team coinvolti e qual è il loro ruolo?

Da ZLTO, lavoro con Caroline Huetink e Martine Dellevoet al progetto NetPoulSafe. Insieme formiamo un buon team di brainstorming sullo stato di avanzamento del progetto nei Paesi Bassi. Caroline mi supporta principalmente con il suo background veterinario, la sua vasta rete e la sua conoscenza degli attuali sviluppi nel campo. Martine aiuta con i processi finanziari del progetto e supporta avendo idee creative per eseguire il progetto nel miglior modo possibile.

Il GD è subappaltatore nel progetto. Insieme a Willem Dekkers del GD, sto eseguendo la fase di convalida, in cui collaboriamo online con gli allevatori pilota e il loro veterinario e/o consulente per migliorare la conformità alla biosicurezza a livello di allevamento.

Un'altra organizzazione con cui lavoro a stretto contatto è AVINED, che è l'organizzazione interprofessionale del settore avicolo olandese. AVINED assiste nell'attuazione pratica del progetto. ZLTO sta anche aiutando a ottimizzare la scansione igienica olandese di AVINED: una situazione vantaggiosa per entrambe le parti.

ZLTO è leader del WP1, con la missione di costruire la rete AKIS. Puoi spiegare cos'è AKIS e perché è importante costruire una rete AKIS per il progetto NetPoulSafe?

AKIS (Agricultural Knowledge and Innovations System) è un concetto utile che collega persone e organizzazioni per promuovere l'apprendimento reciproco, generare, condividere e utilizzare la tecnologia, la conoscenza e l'informazione legate all'agricoltura. Un forte AKIS è essenziale per promuovere l'avvio e lo sviluppo di progetti di innovazione, per diffonderne i risultati e per utilizzarli il più ampiamente possibile.

Ci sforziamo di coinvolgere l'intera catena del valore del pollame in NetPoulSafe per trovare un supporto migliore per la conformità alla biosicurezza in tutto il settore.

Come appare la rete NetPoulSafe AKIS in questo momento e come sei riuscito a creare questa rete AKIS finora?

Al momento, 750 AKIS sono in contatto sul progetto in sette paesi europei. Più della metà della rete AKIS (55%) è composta da agricoltori. Un quarto della rete è composto da istituti di ricerca, consulenti e veterinari. L'altro quarto rappresenta un'ampia gamma di attori della catena del valore, come organizzazioni di produttori, istituzioni pubbliche e integrazioni. Hanno contribuito a varie attività, come condurre interviste sulla biosicurezza, valutare le nuove versioni del Controllo biologico, coinvolgimento nella fase pilota di validazione dell'azienda agricola e/o attività di comunicazione.

Quali sono i prossimi passi ?

Vorremmo riunire i membri AKIS per facilitare lo scambio di conoscenze. Stiamo pianificando di organizzare incontri online, sia a livello nazionale che internazionale. La conformità alla biosicurezza sarà l'argomento di questi incontri, ma in una prospettiva più ampia. Qui puoi pensare alla sicurezza alimentare e alla sicurezza alimentare. Di conseguenza, questi incontri saranno di valore aggiunto per l'intera rete AKIS.

Ora stai iniziando la fase di convalida nelle fattorie olandesi. Puoi dirci cosa imposterai nelle prossime settimane e cosa ti aspetti da questo?

Nei Paesi Bassi, abbiamo una traiettoria online di 1 anno in cui combiniamo sessioni di gruppo e coaching a livello di fattoria. A marzo abbiamo iniziato la traiettoria con gli allevatori di pollame, i loro veterinari e consulenti. In primo luogo, abbiamo tenuto un'assemblea generale sulla biosicurezza. Due settimane dopo abbiamo avuto un incontro per spiegare la metodologia di coaching che verrà applicata nelle sessioni di follow-up. A maggio abbiamo tenuto un incontro per ogni sottosettore sulla zonizzazione delle aziende agricole, in cui abbiamo utilizzato le immagini satellitari di Google Maps e Paint 3D. Inoltre, gli agricoltori hanno mostrato le loro fattorie l'un l'altro utilizzando immagini di aree di biosicurezza essenziali. I partecipanti indicano che gli incontri stanno diventando sempre più interessanti.

Dopo il periodo estivo inizieremo con il coaching a livello di allevamento: l'agricoltore lavorerà insieme al suo veterinario e/o al consulente per i mangimi su azioni specifiche per l'allevamento per migliorare la biosicurezza. Mi aspetto che, facilitando queste sessioni di coaching, la biosicurezza avrà nuovamente una priorità più alta, messa a punto e verrà messo in atto un piano d'azione per implementarla e sostenerla.

Cos'altro vuoi aggiungere?

Inizialmente, il motivo principale per fare la traiettoria di coaching online era la crisi della corona. Nel frattempo, c'è una ragione molto più urgente per questo approccio online: l'influenza aviaria in corso. È bello vedere come possiamo ottenere di più dalle riunioni online, riducendo così il rischio di introduzione di malattie nell'allevamento. Finora un successo!

Grazie mille Annick e buona continuazione di questo progetto!

Pubblicato il

Torna all'elenco delle notizie